Venezia e la sua Laguna Patrimonio Mondiale UNESCO

Comune di Mira

Il Comune di Mira copre una superficie di circa 99 kmq, si estende lungo il Naviglio Brenta e a sud-est si affaccia sulla Laguna di Venezia, ambito inserito nel Sito Unesco “Venezia e la sua Laguna” all’atto della sua iscrizione nel 1987. Circa 38.801 abitanti risultano insediati sul territorio comunale, che confina con i comuni Campagna Lupia, Dolo, Mirano, Pianiga, Spinea e Venezia e comprende sette frazioni (Borbiago, Gambarare, Malcontenta, Marano Veneziano, Mira Porte, Mira Taglio e Oriago).

L’area urbana, posta a metà strada tra Padova e Venezia, si sviluppa lungo il Naviglio del Brenta, sul quale si affacciano le ville che i veneziani edificarono tra il Cinquecento e il Settecento, tra cui ricordiamo “la Malcontenta” nell’omonima frazione, Villa Widmann Foscari e le Barchesse di villa Valmarana a Mira Porte. Il territorio comunale è solcato da numerosi corsi d’acqua sia naturali che artificiali e, a sud-est, è coperto da barene, le quali costituiscono un terzo della superficie del comune.

Il Comune di Mira, in seguito alla sottoscrizione dell’Atto d’Intesa del 2007, è membro del “Comitato di Pilotaggio” del Sito Unesco “Venezia e la sua Laguna”. L’ente esercita le seguenti competenze Istituzionali in merito alla tutela, valorizzazione e gestione dei beni patrimoniali del Sito: governo del territorio, pianificazione urbanistica, conservazione e riqualificazione immobili da destinare alla residenza, ad attività sociali e culturali, produttive, artigianali e commerciali essenziali per il mantenimento delle caratteristiche socio-economiche degli insediamenti urbani lagunari, programmazione economica, realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria, salvaguardia paesaggistica-ambientale, valorizzazione e promozione turistica.

Principali attrazioni:

La Riviera del Brenta

L’intero territorio lungo il Naviglio Brenta, dalle sue foci alla città patavina, nel XV secolo subisce attraverso grandiosi lavori di bonifica una profonda trasformazione urbana, sociale ed economica. I patrizi veneziani investono cospicui capitali nelle residenze di campagna, chiamando illustri architetti come Palladio, Scamozzi e Sansovino e artisti del calibro di Tiepolo e Veronese.

Ecomuseo “Le Terre del Brenta”

L’Ecomuseo si prefigge di conservare e valorizzare il patrimonio culturale e ambientale di Mira e dell’intera Riviera del Brenta, studiando le trasformazioni passate e recenti dell’entroterra veneziano e mettere in risalto le risorse culturali, turistiche e ambientali. Oltre allo spazio espositivo, nella Villa Principe Pio è presente una biblioteca tematica sul territorio ed è attivo un Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale. Anche il parco è impiegato per le iniziative rivolte ai bambini e ai ragazzi. Numerose sono le iniziative culturali, le mostre temporanee ed eventi legati al territorio e alla sua storia in calendario presso l’Ecomuseo.

I progetti del Piano di Gestione che coinvolgono Mira

  • Interventi di recupero del paesaggio delle zone umide lungo la conterminazione lagunare
  • Visite guidate alle Casse di Colmata e ambito lagunare
  • Le Ville del Brenta: sviluppo di un’immagine coordinata del luogo

Altri link d’interesse:

Il sito web del Comune di Mira

Miratur

Torna Su