Venezia e la sua Laguna Patrimonio Mondiale UNESCO

Comune di Musile di Piave

Il Comune di Musile di Piave copre una superficie di circa 45 kmq, è situato sulla riva destra del fiume Piave e confina a sud-ovest con la Laguna di Venezia, ambito inserito nel Sito Unesco “Venezia e la sua Laguna” all’atto della sua iscrizione nel 1987. Circa 11.500 abitanti risultano insediati sul territorio comunale, che confina con i comuni di San Donà di Piave, Fossalta di Piave, Meolo, Jesolo, Quarto d’Altino e Venezia e comprende tre frazioni (Caposile, Croce e Millepertiche) e tre località (Capo d’Argine, Lazzaretto e Trezze).

Il territorio comunale è caratterizzato dal passaggio della parte terminale dei corsi dei fiumi Piave Vecchia e Sile, lungo i quali sono presenti numerosi habitat di elevato valore naturalistico. I segni storici e culturali più significativi sono quelli legati alle opere di bonifica, sia per quanto riguarda i manufatti legati al controllo delle acque (conche, sbarramenti, chiaviche, idrovore) che per quanto attiene i fabbricati rurali (“case della bonifica”). La zona, in cui è ancora leggibile la centuriazione romana, è inoltre interessata da una significativa porzione del tracciato della via Annia.

Il Comune di Musile di Piave, in seguito alla sottoscrizione dell’Atto d’Intesa del 2007, è membro del “Comitato di Pilotaggio” del Sito Unesco “Venezia e la sua Laguna”. L’ente esercita le seguenti competenze Istituzionali in merito alla tutela, valorizzazione e gestione dei beni patrimoniali del Sito: governo del territorio, pianificazione urbanistica, conservazione e riqualificazione immobili da destinare alla residenza, ad attività sociali e culturali, produttive, artigianali e commerciali essenziali per il mantenimento delle caratteristiche socio-economiche degli insediamenti urbani lagunari, programmazione economica, realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria, salvaguardia paesaggistica-ambientale, valorizzazione e promozione turistica.

Principali attrazioni:

Centro naturalistico "La Piave Vecchia"

Il centro, realizzato nella ex scuola elementare di Castaldia, si articola in tre salette museali allestite con diorami, pannelli didattici, plastici, vetrine naturalistiche e dedicate ai temi “La valle da pesca” e “Il fiume di risorgiva” cui si aggiungono il laboratorio didattico naturalistico e una sala multimediale. Il Centro è in diretto collegamento funzionale con il sentiero natura “La restèra di Piave Vecchia” e “La valle da pesca” lagunare.

Ponte a bilanciere

Il ponte, costruito nel 1927 e sostituito nel 1957 dall’attuale ponte stradale, sorge quasi alla confluenza della Piave Vecchia con il Sile. Il «ponte a bilanciere», oggi transitabile in bicicletta, è chiamato così per il suo caratteristico sistema di contrappesi tramite cui si otteneva l’apertura manuale per consentire il passaggio delle barche.

Monumento al Bersagliere

La scultura, posta all’ingresso del Ponte della Vittoria, fu voluta nel 1965 per ricordare il valore dei reggimenti bersaglieri che, durante la Prima Guerra Mondiale, combatterono sulle rive del Piave. L’opera, ricavata dal bronzo dei cannoni, raffigura un bersagliere che scatta all’assalto ed è la riproduzione del Monumento al Bersagliere realizzato da Publio Morbiducci nel 1932 per Porta Pia a Roma.

I progetti del Piano di Gestione che coinvolgono Musile di Piave

  • Ponte a bilanciere sulla Piave Vecchia

Gli Itinerari Unesco nel Comune di Musile di Piave

Altri link d’interesse:

Il sito web del Comune di Musile di Piave

Consorzio Bacino Imbrifero Montano del basso Piave

Torna Su